E-commerce: boom di vendite online

E-commerce: boom di vendite online

Con l’emergenza Coronavirus vola l’e-Commerce, soprattutto per i beni di prima necessità. Ci sarà, in futuro, una rivoluzione del retail sia fisico che virtuale?

L’emergenza Covid-19 ha completamente stravolto le abitudini di consumo e i comportamenti di acquisto dirottando la maggior parte di questi verso l’e-Commerce. La quarantena forzata ha costretto le persone a restare a casa, con i negozi fisici chiusi ed ha, così, modificato radicalmente le consuetudini quotidiane, indirizzando un maggior numero di consumatori verso l’online.

Le circostanze hanno portato, quindi, a modificare le strategie di mercato. Un’indagine Nielsen sulle vendite online dei prodotti di largo consumo, ad esempio, testimonia un aumento dall’ultima settimana di febbraio fino alla prima di marzo di oltre l’80% rispetto allo scorso anno. In merito a questo tipo di acquisti, Forbes ha condotto una ricerca su 200 aziende associate scoprendo che il 75% degli acquirenti  non lo aveva mai fatto prima da siti e-Commerce.

Fanplayr, società americana specializzata nell’e-Commerce intellingence, ha invece analizzato i dati dei siti di alcuni clienti che vendono online. È emerso che dalle prime settimane del 2020 sono aumentati: traffico di visitatori, tassi di conversione e valore medio degli ordini. L’aumento simultaneo degli indicatori chiave è un evento raro persino durante i periodi di alta stagione. Addirittura in alcuni settori, come quello food and beverage ci sono stati aumenti in percentuale del +400%.

Le tempistiche con cui ciò è avvenuto sembrano riflettere quelle con cui i diversi stati si sono trovati a fare i conti da vicino con la pandemia. L’interesse per gli acquisti online, per esempio, è aumentato in Giappone prima che in Italia e successivamente negli Stati Uniti e in Russia.

I settori

Il settore che ha visto maggiormente un aumento di vendite online è quello dei prodotti essenziali. In Italia e nel resto del mondo, in un momento di crisi economica, è inevitabile che gli utenti ricerchino e acquistino soprattutto beni di prima necessità. Parliamo di prodotti alimentari, articoli farmaceutici, prodotti per bambini, prodotti per la pulizia della casa, ma anche elettronica e libri.

In questo periodo, in cui sempre più persone si sono adattate a lavorare, studiare e, in generale, a trascorrere più tempo in casa, sono aumentate,infatti, in modo significativo le vendite di elettronica di consumo (webcam, monitor, modem).

Un altro settore interessante è quello delle forniture degli animali: la vendita di prodotti per la cura e per l’alimentazione degli amici a quattro zampe ha, infatti, visto un notevole incremento in tutto il mondo, compresa l’Italia.

Ovviamente gli utenti online non hanno prenotato vacanze, biglietti aerei e alberghi, vista la chiusura delle frontiere determinata dai vari Stati e dall’incertezza di quella che sarà la situazione nei prossimi mesi.

La situazione italiana dell’e-Commerce

Secondo l’indagine Nielsen in un solo mese (dal 17 febbraio al 15 marzo 2020) è cresciuta di quasi l’80% la domanda online di beni di largo consumo e alimentari (e-Grocery). Captify ha registrato, in particolare, un aumento all’acquisto quasi compulsivo di acqua minerale o carta igienica.


Ti potrebbe interessare: e-Commerce: come realizzare il tuo shop per vendere online

Entrando nel dettaglio delle categorie i prodotti più acquistati in Italia sono stati: generi alimentari, farmaci da banco e senza obbligo di prescrizione, prodotti per la cura e l’igiene della persona. Già prima del lockdown, quando c’erano focolai solo al nord, gli italiani hanno cominciato a fare scorte online soprattutto di prodotti a lunga conservazione come acqua, succhi e bibite, tè, caffè e solubili, e poco dopo di pane, pasta e farina.

Bene anche accessori per lo sport e libri, mentre abbigliamento e altri accessori sembrano essere state le categorie più penalizzate, anche se le vendite stanno ripartendo. Insomma, pare che il virus stia funzionando da rivoluzione del retail sia fisico che virtuale.

In conclusione, sicuramente l’e-Commerce italiano è uno dei mercati con maggiore potenzialità. La crescita che si registrerà nel prossimo decennio, a prescindere da questo periodo particolare, sarà sempre più rapida e significativa. Per questo definire una corretta strategia in ambito e-Commerce è fondamentale per il successo del business delle aziende italiane.