Inbound Marketing: come attirare potenziali clienti online

Inbound Marketing: come attirare potenziali clienti online

Creare e distribuire contenuti di qualità rivolti ad un pubblico ben definito: con l’ Inbound Marketing non sei tu ad andare dal potenziale cliente, ma è lui a trovare te

L’ inbound marketing è costituito da una serie di tecniche e strategie di marketing il cui scopo è quello di attrarre importanti prospect e clienti nella direzione di un business e dei suoi prodotti. È questa la definizione data da HubSpot. L’azienda statunitense, che produce software per il marketing, ha coniato il termine nel 2005.

Al contrario dei vecchi metodi di Outbound Marketing, che si basano sull’interruzione invasiva nelle attività degli utenti per far visualizzare un’inserzione con informazioni che non ha richiesto, l’Inbound Marketing si concentra sulla creazione di contenuti di qualità che attirano le persone verso la tua azienda o prodotto. I contenuti sono, dunque, il principale mezzo di promozione. Nel Digital Marketing, per esempio, per veicolare i contenuti è importante farsi trovare ottimizzando e posizionando il tuo sito web per i motori di ricerca (SEO).

Con l’Inbound Marketing, però, è fondamentale allineare il contenuto agli interessi degli utenti in tutte le fasi del processo di acquisto.

In sostanza le persone conoscono la tua azienda, interagiscono, acquistano, tornano ad acquistare: ognuna di queste fasi richiede, dunque, un’azione di marketing specifica, con i contenuti giusti, al momento giusto, nel posto giusto. L’Inbound Marketing è, quindi, non solo contenuto, ma anche contesto.

Allineando i contenuti che pubblichi con gli interessi di un utente diventa naturale attirare traffico in entrata, che è possibile poi convertire, chiudere e deliziare nel tempo. Il metodo Inbound copre, infatti, tutte le fasi per trasformare un estraneo in cliente e, poi, fan della tua azienda.

Le fasi del ciclo d’acquisto, con i rispettivi strumenti, sono:

1. Attrarre (Blog, Keyword, SEO, Social Media)
2. Convertire (Form, Landing Page, Call-to-Action)
3. Chiudere (Email, DEM, Workflow)
4. Deliziare (Eventi, Contenuti Smart, Social Media, Sondaggi).

Con questo processo uno sconosciuto diventa utente (visitatore), poi contatto (lead, se ad esempio si iscrive alla newsletter), prospect (quando compila una richiesta specifica), cliente e, infine, promotore.

Attrarre significa arrivare solo alle persone potenzialmente interessate al proprio prodotto o servizio, quindi solo le persone giuste che da visitatori possono diventare contatti. Dopo bisogna convertire, cioè fare in modo che diventino contatti, lasciando i propri dati. Queste informazioni sono preziose perché utili alla profilazione, che è alla base di una vendita più facile, quindi chiudere e farlo diventare cliente.

Qualcuno potrebbe, però non arrivare subito all’acquisto, per cui per mantenere i rapporti è importante continuare a “nutrirli” con contenuti di valore. L’Inbound Marketing va oltre: se continui a deliziare il tuo cliente, non solo continuerà a comprare, ma ti porterà con il passaparola nuovi clienti.

Utilizzando questo approccio multi-canale, potrai raggiungere obiettivi di crescita inaspettati, a costi minori, facendoti amare dai tuoi potenziali clienti (loyalty). Non sarà un percorso rapido, né privo di ostacoli, ma alla lunga ti darà i suoi frutti.