Marketing non convenzionale: sorprendi i tuoi consumatori

Marketing non convenzionale: sorprendi i tuoi consumatori

Raggiungere i consumatori a volte è arduo e complesso, ma con il marketing non convenzionale puoi farlo più facilmente. Scopri perché

Curioso, flessibile e innovativo: è il Marketing non convenzionale. Con questo termine ci si riferisce a tutte quelle strategie che utilizzano particolari tecniche di comunicazione con lo scopo di ottenere il massimo della visibilità, presentando il tuo prodotto in modo “alternativo”.

Il mondo del marketing e della pubblicità impone ormai da sempre gli stessi standard che molto spesso non suscitano alcun tipo di curiosità nei clienti. Quando la campagna pubblicitaria non è ben riuscita, il rischio di non essere minimamente presi in considerazione è alto. Certo, ci sarà pur qualcuno che acquisterà il tuo prodotto, ma solo perché attirato dal best-price.

Raggiungere le nuove generazioni di consumatori, in particolare i cosiddetti millennials o la generazione Z, è un compito arduo e complesso. Il consumatore desidera ricevere contenuti ed esperienze pertinenti ai propri interessi o bisogni.

Costruire strategie di marketing attorno alle esperienze è il miglior modo affinché il tuo marchio resti impresso nella mente degli utenti, guadagnando punti nel momento più importante, quello in cui il consumatore deve prendere una decisione.

Il Marketing non convenzionale ha un unico scopo: sorprendere ed incuriosire il cliente finale, favorendo quindi il passaparola che viene anche chiamato WOM, cioè word-of-mouth.

L’elemento dello stupore è direttamente proporzionale a quello del passaparola e non farà altro che giovare al tuo brand, creando un effetto amplificatore. Questa modalità di fare marketing si sposa perfettamente con il web e, ovviamente, con i canali social, che rappresentano l’alleato di punta per il successo della tua campagna.

È necessario, dunque, costruire il tuo marchio connettendoti con il consumatore in modo personalizzato, combinando il lato funzionale con quello emotivo, e offrire esperienze memorabili, spingendolo a fare la scelta giusta.

Ecco alcuni esempi di marketing non convenzionale

Un pratico esempio di marketing non convenzionale è stata la campagna di qualche anno fa di IKEA che allestì alcune zone di New York di maggior affluenza (fermate di autobus e metropolitana), con divani e mobili. Labello, invece, nel 2006 in Germania con i “Kissing Point” indicò i punti in cui baciarsi tramite un semplice adesivo sul pavimento di alcune stazioni ferroviarie.

Un altro esempio è la nota campagna viral-marketing di Microsoft. Nel 1997, aggiungendo una sola riga di testo in coda a tutte le mail inviate dai suoi utenti, invitò a provare il proprio servizio di posta gratuito, aumentando di svariati milioni il numero dei suoi utenti.


Ti potrebbe interessare: Growth Hacking: fai crescere velocemente la tua impresa

Le strategie di marketing non convenzionale, che non sono necessariamente abbinate ad un grosso budget, rappresentano quindi una sfida importante, ma al tempo stesso possono essere molto divertenti e immensamente gratificanti per la tua azienda.

Potrebbero, anzi, essere la chiave per sbloccare il successo della tua impresa!