Growth Hacking: fai crescere velocemente la tua impresa

Growth Hacking: fai crescere velocemente la tua impresa

Un insieme di strategie di web marketing volte a far crescere il più velocemente un’impresa. Scopri di più sul Growth Hacking 

Il termine fu coniato nel 2010 da Sean Ellis che ha dato questa definizione: “il growth hacking è un processo di rapida sperimentazione attraverso una serie di canali di marketing per individuare i modi più efficaci per far crescere un business”. 

Il Growth Hacking porta, quindi, le aziende a crescere velocemente, ad eliminare il superfluo e ad avere dati chiari, grazie ai canali marketing. L’obiettivo è acquisire il maggior numero di visitatori da trasformare in clienti (Lead Generation), ma anche capire quali sono i migliori clienti. Riunisce tutti gli strumenti del web marketing (SEO, SEM, e-mail marketing, copywriting, blogging), quello che cambia è l’approccio, per arrivare più velocemente alle visite e ai clienti.

Per ottenere la crescita di un’azienda bisogna individuare tutti i modi possibili, testare soluzioni differenti, battendo strade che magari in passato non sarebbero state prese in considerazione. Quando indovini la giusta combinazione, ottieni un alto ritorno dell’investimento (ROI) e una crescita molto rapida.

In generale le strategie di Growth Hacking sono particolarmente consigliate per le startup, ma la verità è che qualunque impresa, piccola, media o grande che sia, può far ricorso ad un Growth Hacker per migliorare le vendite. Attraverso le sue competenze nel campo del web marketing analizza, prova delle soluzioni nuove e registra le azioni per arrivare alle conclusioni più adatte. In questo senso il termine significa proprio “concentrarsi sulla crescita (growth) ragionando fuori dagli schemi, trovando nuove strade (hacking)”.

Il Growth Hacker è, dunque, una persona  con una conoscenza a 360° in merito al marketing online, dotato anche di nozioni di programmazione e di una buona immaginazione che gli consente di sviluppare strategie innovative, economiche e di successo.

Un altro aspetto interessante, oltre ai tempi rapidi, è abbattere i costi di sviluppo della strategia di crescita. Questo non significa lavorare a costo zero, ma ottimizzare le risorse, sfruttando al massimo quello che si ha a disposizione.

La differenza tra Marketing tradizionale e Growth Hacking è, in sostanza, che mentre il primo è indispensabile per attività di branding e di awareness, il Growth Hacking invece si cala di più nel prodotto.

È importante iniziare a fare entrambe le attività in parallelo, da subito. Questo vale sicuramente in una fase iniziale (startup), ma non si limita a questa. Ogni azienda ha bisogno di crescere e in base allo stadio di evoluzione del business, cambia il concetto di crescita e, di conseguenza, cambiano le metriche da tenere sotto controllo. Insomma non esistono business che non devono crescere!